KRST

di Pier Tulip

   
   
     
   
   

 

Home

 

Introduzione

 

Conclusioni

 

Articoli

 


Indice dell'opera

 Introduzione

Prologo

Le fonti

1 La nascita

2 Il pensiero

3 La morte

4 Il Cristo svelato

  4.1 Il Gesù dei Vangeli

  4.2 Il Gesù della storia

5 Conclusioni

6 Appendici

  6.1 Bibliografia

  6.2 Lettera di Mendoza

  6.3 Frontespizio Dupuis

  6.4 Cappella Sansevero

  6.5 Gli Apostoli

  6.6 Note di Astronomia

  6.7 La leggenda di Hiram-Habif


 
230 pagine
60 illustrazioni e 3 tabelle

 

 

     

Eduardo
2 maggio 2015
Ottimo libro per iniziare gli studi
Un ottimo saggio, scritto con linguaggio semplice ed efficace. Gli innumerevoli esempi per spiegare i concetti, fanno del libro un MUST della propria biblioteca. Leggo con piacere le tante novità sulla ricerca in materia e concordo pienamente sugli studi fatti. Mi sarebbe piaciuto per completezza delle analisi, alcuni approfondimenti specifici ma più dettagliati. Resta comunque un libro da leggere... sicuramente per tutti quelli che partono da zero, ma anche per i più esperti.

 ------------

flavio bevione
29 marzo 2015
riflessioni
La mia passione per la cristologia è nata una decina di anni fa, dopo aver letto il codice da vinci; fino ad allora avevo vissuto un riservato distacco da tutto ciò che si avvicinava al cattolicesimo e alle religioni in genere. Il codice da vinci è stato un grimaldello che ha acceso in me una curiosità sempre più intensa, invasiva, fino a diventare maniacale: per anni ho cercato disperatamente la verità assoluta sulla vita di Cristo e sul Cristianesimo, e ho letteralmente divorato ogni autore che abbia pubblicato qualcosa in merito: da Tabor a Eisenman, da Donnini a De Angelis, e poi Moraldi, Salsi, Tranfo, Hassnain, potrei citarli tutti; ad ogni lettura aumentavano la confusione, i dubbi , le domande. Quando ho letto KRST , alcuni mesi orsono, non ho provato particolari emozioni, ma anzi, mi è sembrato troppo vasto nelle argomentazioni , poco indirizzato, un tutto e niente, insomma : al momento, non avevo capito. Solo dopo, ho realizzato che la ricerca della verità storica del cristianesimo , rovistando fra documenti mistificati, contraffatti, costruiti ad arte nei primi secoli, non può approdare a nulla. Il mio interesse si è spostato verso lo studio delle radici del Cristianesimo, dei suoi legami con le tradizioni pagane e mitraiche, di tutto ciò che è palesemente falso o retaggio di riti e culti più antichi.

KRST è stato il mio secondo grimaldello, quello della maturità ( credo e spero); non è un punto di arrivo, ma l'inizio di un percorso. Osservare KRST da questa nuova angolazione è quantomai deludente, per me , che come lettore vorrei trovare in un libro tutto lo scibile; ma come ho già sottolineato, questo testo è per me l'inizio di un percorso, come del resto spero che sia per l'autore. Il mio giudizio è sicuramente molto positivo, e il mio augurio è che Pier Tulip voglia proseguire su questa strada e dedicarsi a un lavoro più completo e particolareggiato.

 ------------

Leon
23 luglio 2014
Exhilirating read!
The book compliments the growing mass of literature regarding the mythical Christ. As no one book answers all the questions satisfactorily, I found that this one contains a number of new revelations and filled in a number of important missing gaps in my knowledge. Most importantly, it points the way to several new sources.

A must read for any serious student of the topic. Appendix 4 contains hair-raising material for another Dan Brown novel.

 ------------


Gaetano
12 luglio 2014
Devo dire che quando per la prima volta mi capitò di imbattermi nell'interpretazione dei vangeli e di Gesù, rispettivamente come allegorie astronomiche e solare, mi venne di fatto di pensare che questa altro non fosse che una delle infinite interpretazioni sulla figura di Gesù e sui vangeli. E ancora una volta mi venne di pensare che forse il dottor Schweitzer aveva proprio ragione quando affermava che ogni storico del proto cristianesimo finiva per trovare il Gesù che desiderava trovare, o non trovare. Leggendo però KRST di Pier Tulip risulta subito evidente che questa interpretazione è qualcosa di più di una possibile teoria. L'autore fornisce innumerevoli e significative evidenze storiche che alla fine costituiscono un convincente quadro probatorio.
 
Inoltre si potrà apprezzare che tale interpretazione consente di sistemare adeguatamente numerosi tasselli nella storia degli ultimi duemila anni. Parlo essenzialmente delle innegabili commistioni fra cristianesimo e massoneria. La comune origine delle due istituzioni consente di spiegare numerose cose altrimenti inspiegabili.
 
Infine bisogna riconoscere che, qualunque sia la nostra posizione al riguardo, l'autore ha condotto un'attenta, scrupolosa e ben documentata analisi storica che non può e non deve essere sottovalutata e che viceversa occorre tenere in debita considerazione.

 ------------

Robert Tulip
12 maggio 2014 (modificata dopo la revisione in inglese)
Sound Analysis of Christian Origins
This book explores the suppressed Masonic and alchemical Gnostic themes that contributed to the birth of Christianity. This is an immensely productive scientific research program that continues in the teeth of pious hostility and scientific indifference.

Pier Tulip's research is immensely informative, including on the possible meaning of the claims of a historical Jesus Christ.

Since first reviewing KRST in May 2014, I have helped Pier to edit the English translation. I am not related to Pier, but we think alike. I have also written a preface to the book, which I reproduce here, in the hope that reading this review will encourage others to buy this important book and open up more discussion about it.

Preface by Robert Tulip

Pier Tulip and I share an uncommon surname, but are not related by blood as far as we know. By coincidence we also share some uncommon views on astral themes in the ancient cultures that gave rise to the story of Jesus Christ, views that are part of an emerging method of analysis known as astrotheology. In KRST, Pier has explained the astrotheological hypothesis that orthodox Christian faith can only be understood by seeing how it evolved from originally Gnostic teachings that have a rich and largely forgotten cosmology.

Pier and I made contact through the Truth Be Known discussion forum managed by DM Murdock, author of pioneering astrotheological books such as The Christ Conspiracy, Suns of God, Christ in Egypt and Did Moses Exist? These works present a remarkable array of coherent information about the evolution of religion, bringing to light facts that tend to be dismissed out of hand by people who have an emotional commitment to traditional religious opinions. The astral content in ancient myth is not new or imaginary, but rather is a little-understood original feature of Christianity, hidden in plain view since ancient times, despised and rejected by the corrupted dogmas of imperial faith.

Astrotheology explores how Christianity evolved from widespread earlier beliefs about the religious meaning of the cosmos, building upon traditions of the large old civilizations that surrounded ancient Israel. Reverence for nature was pervasive in the ancient religions of Egypt, Babylon and India, but was deliberately rejected by the alienated supernatural dogmas of the church. An original natural theology was the rock upon which the Gnostics constructed the new faith of the common era, with its idealised leader Jesus Christ, but this natural origin in cosmic imagination was suppressed, ignored, forgotten and denied, as the church built its house upon sand. The origin of Christianity in an enlightened understanding of already ancient mythical traditions is something we can only explore by reconstructing the evidence available from the fragments that have survived. The politics of faith and the accidents of history have led to the real origins of Christianity being largely lost. But forensic analysis of our sources can enable us to find the most plausible explanation of the materials that we have. This analysis leads to a picture that is extremely different from the traditional accounts.

KRST – Jesus a Solar Myth leads the reader on an intriguing detective search through the coded remnants of Christian origins. The celebrated nineteenth century writer Gerald Massey discovered that the Egyptian word for anointing of mummies was KRST, a term which it appears evolved into the story of Christ Jesus the Anointed Savior. The remarkable thing revealed by Pier Tulip is that the astrotheological explanation has been understood for centuries, especially within Freemasonry, as a deeply rational but hidden meaning at the centre of Christian faith. The power of the church and the prejudice of modern science have prevented these insights from coming to light, partly due to the disdain radiated by the dominant culture towards the magical and masonic fringe thinking that has carried these secrets. That simplistic polarisation is now rapidly changing due to the collapse of the power of religion. A new community of researchers are challenging the barriers that have shackled theology within the delusional boundaries of traditional literal belief in the historical assertions of the Bible. It has been a great pleasure for me to edit Pier’s book, which is full of fascinating and informative details about the hidden truth of our shared religious and philosophical heritage. I should note though, all the factual detail here is contestable and will benefit from further checking on the reliability of sources, a process that is always needed to clarify the evidence for various claims.

The key message here, which although controversial is abundantly clear, is that Hermetic thought, with its roots in Egyptian myth, is a perennial philosophy that is at the foundation of both religion and science. The Hermetic axiom ‘as above so below’ means that our life on earth can only be understood as part of the larger whole of the cosmos, and presents the necessary key for the emerging reconciliation of faith and reason, grounded in scientific analysis of the myth of Jesus Christ.

 ------------

Timothy Dark
30 dicembre 2013
FANTASTICO!!!
Come anche l'altro lavoro del medesimo autore, anche in questo testo si eviscerano interessantissimi significati simbolici sconosciuti ai più. A mio avviso i nostri "cari" editori italiani dovrebbero fare a pugni per pubblicare lavori come questo. Libro da avere e tenere di fianco agli autori esoterici più cari e "blasonati". Unico appunto la "grafica"  non sempre all'altezza del contenuto, ma son quisquilie...

 ------------

Acharya S - DM Murdok
20 Gennaio 2013
Versi solari dal Nuovo Testamento - Commento  sul suo forum al mio Teorema.

Alcuni qui apprezzeranno il lavoro "Teorema di Pier Tulip : Gesù nei Vangeli è un'allegoria del Sole (Gesù = Sole)", una traduzione dall'italiano inviatomi dall'autore, Pier Tulip. Sì, un altro Tulip affascinato dalle radici astroteologiche del cristianesimo. Chi lo sapeva? In considerazione del fatto che Gesù, come il sole è stato un tema importante all'interno miticismo per secoli - quello che ho sviluppato per 20 anni - è inesatto denominare la tesi "Teorema di Pier Tulip", tuttavia. E' bello vedere gli altri pensare in questo modo, comunque.

Il primo passaggio del NT citato come astroteologico mi ha dato un momento di "Ah!", in quanto si adatta perfettamente con il versetto enigmatico in Giovanni 3:30 : "Egli deve crescere e io invece diminuire". Il verso citato è Giovanni 1:30: "Egli è colui del quale io dissi: 'Dopo di me viene un uomo che si colloca prima di me, perché era prima di me.'"

Se Giovanni era una persona sei mesi più vecchio di Gesù, come potrebbe quest'ultimo essere venuto prima del precedente? Questo versetto ha senso se stiamo discutendo non di esseri umani, ma di un ciclo, in particolare un ciclo solare, come quello che fa il sole dall'inverno al solstizio d'estate e viceversa.

Pier sottolinea anche Matteo 4:12-17 , in cui Giovanni è "imprigionato", così Gesù predica in sua vece - la "prigione" di Giovanni evidentemente rappresenta il tipico motivo della "grotta", in cui il sole è visto come nel mondo sotterraneo. In questi versetti, Gesù è raffigurato come adempiendo in tal modo una profezia di Isaia (LXX:9,1-2 ), che non potrebbe essere più solare: "La terra di Zàbulon e la terra di Nèftali, verso il mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti - le genti che si trovavavno nelle tenebre videro una grande luce, e per quelli che dimoravano in terra e ombra di morte una luce si è levata."

Acharya si inoltra poi a portare associazioni sue personali sulla "gran luce" che citerò solamente: Euripide nell'Ifigenia, l'Anabasi di Senofonte, Plutarco (Alex. 30) con "la grande luce di Mitra", Esempi indiani e finalmente si sofferma sulla mitologia egizia

Giovanni e Gesù come remake di Anubi e Osiride

Nel caso di Anubi e Osiride, la strana frase "Egli deve crescere , mentre io invece diminuire " sarebbe opportuna, in considerazione del loro ruolo di personificazioni del sole d'estate e d'inverno e solstizi. A questo proposito e per molte altre ragioni, il Vangelo di Giovanni, in cui questo versetto può essere trovato (3:30), è ovviamente orientato verso un pubblico egiziano, avendo anche la sua provenienza apparente in Egitto, dove i primi frammenti del libro sono stati scoperti. Quindi diventa ancora più logico supporre il collegamento tra questo versetto biblico e la transizione inverno-estate. Sembra quindi che l'autore (o gli autori) del Vangelo di Giovanni - che non compare nella documentazione letteraria fino alla fine del secondo secolo - era a conoscenza già in questo periodo dell'identificazione di Gesù Cristo con e come il sole, come essi dovrebbero essere, dal momento che la venuta del Messia è specificatamente chiamata "Sole di Giustizia" nel libro dell'Antico Testamento appena prima del Vangelo di Matteo, Malachia (4,2).

Piuttosto che rappresentare il compleanno di un salvatore umano di una particolare etnia e credo, in questo periodo dell'anno costituisce la "nascita", "rinascita" o "resurrezione" del Sol Invictus , il "Sole invitto", il cui viaggio annuale attraverso il nostro cielo può essere celebrato in tutto il mondo come una espressione veramente unificante della nostra famiglia globale .

Sembra che Pier ha messo a punto alcuni versi molto utili per esaminare le radici solari di Cristo, che vorrei integrare nel mio Gesù, come il libro di Sole - con la corretta attribuzione - se mai lo finirò.

 

------------

 

Paolo Malaman
martedì 4 ottobre 2011
BRAVO
Una storia vissuta nella sua intensa energia emozionale che riesci a trasmettere facilmente nelle sue paradossali vibrazioni alle corde dell’anima di chi legge
martedì 4 ottobre 2011 commento alla 10a edizione

  ------------


Marzio
venerdì 16 settembre 2011
La razionalità di un fisico che affronta la spiritualità di un personaggio come Cristo è di per sé motivo di interesse per quest’opera che mescola la scorrevolezza di un romanzo a certi precisi dettagli storici. Ho molta curiosità di sapere se l’autore, nello sviluppo del suo lavoro, privilegerà la ricerca storica o l’atto di fede. Non c’è che da acquistare il libro per saperlo.
venerdì 16 settembre 2011 commento alla 9a edizione

  ------------


Dario
giovedì 15 settembre 2011
Un lavoro affascinante, molto interessante e curato alla perfezione...Complimenti!!!

  ------------

Antonello Pellegrino
venerdì 22 luglio 2011
Ottimo lavoro, tematica avvincente ed attuale.

  ------------

*stefano*
sabato 21 maggio 2011
un saggio che si muove sicuro su un terreno pericoloso ponendo domande e cercando risposte attraverso la lettura guidata di fonti storiche. Scritto in maniera tecnicamente corretta risulta interessante.


   
                 
            E' possibile ordinare il libro su Amazon anche in formato Epub
oppure su Ibs anche in formato Pdf.
Il libro è anche disponibile in numerosi negozi online e, su richiesta, in libreria.